La tradizione del giorno di Santa Lucia

Santa Lucia, tradizionalmente considerato “il giorno più corto che ci sia“, coincide anche con un altro evento della tradizione popolare del nord Italia ed Europa: la consegna di regali! Infatti, in alcune provincie del nord Italia come Trento, Udine, Bergamo e Cremona per il giorno del 13 dicembre i bambini scrivono una lettera a Santa Lucia, elencando i regali che vorrebbero ricevere e dichiarando di meritarseli, essendo stati buoni durante l’anno.

Per accrescere l’attesa a la credenza dei bimbi, è uso che i ragazzi più grandi, nelle sere precedenti, percorrano le strade suonando un campanello da messa e richiamando i piccoli al loro dovere di andare subito a letto, ad evitare che la santa li veda e li accechi, gettando cenere nei loro occhi.

La sera del 12 dicembre, è uso lasciare un piatto sul tavolo con il cibo offerto alla Santa e al suo asinello, che volano di casa in casa a consegnare i doni: solitamente vengono offerte delle arance, dei biscotti, mezzo bicchiere di vino rosso e del fieno per l’asino che trasporta i doni.

Il mattino del 13 dicembre, al loro risveglio, i bimbi troveranno un piatto con le arance e i biscotti non consumati, arricchito di caramelle e monete di cioccolato, oltre che i doni che avevano richiesto.

A proposito, avete trovato i vostri regali?

Share

Pubblicato in Curiosità | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Chilometro zero, produttori e consumatori mai stati così vicini

Sapevate che, in media, un pasto può percorrere più di 1900 km prima di arrivare sulla vostra tavola? Se calcoliamo che, un camion semirimorchio percorre circa 2 km con un litro di gasolio, allora il vostro risotto ai funghi porcini che mangerete oggi a pranzo, sarà costato qualcosa come 950 litri di gasolio in più nell’aria. E’ vero che, il camion non viaggia solo per un piatto di riso, ma fortunatamente ottimizza il carico. Dall’altro lato però, le strade sono sempre più trafficate da mezzi pesanti che trasportano merci (lasciamo stare le automobili). Tutto questo, se visto su scala nazionale fa preoccupare. Ma se allarghiamo orizzonti e fantasia e proviamo ad proiettare il tutto su scala mondiale, i numeri che usciranno saranno spaventosi. Non a caso le guerre moderne hanno come scopo finale, la conquista di importanti giacimenti petroliferi.

Ma per fortuna, abbiamo ancora la possibilità di scegliere. E di pensare. Pensare che, comprare le zucchine direttamente dal produttore sotto casa invece che al supermercato, significa non entrare a far parte di quel circolo vizioso e inquinante che spesso ignoriamo. Significa mangiare un cibo che, con tutta probabilità, è più sano di quello che percorre 1900 km prima di arrivare nelle nostre case. Significa imparare il significato del termine “Km 0“: comprare frutta, verdura e in generale cibo, direttamente dal produttore locale.

E’ il consumatore finale a trarne vantaggio: sicurezza alimentare, qualità, sostegno dell’economia locale, riduzione dell’inquinamento.

Proprio qualche giorno fa, Alemanno, sindaco di Roma, ha dichiarato di aver firmato una proposta di legge a favore dello sviluppo dell’agricoltura a chilometro zero.

Ma siamo ancora lontani per poter dire di aver invertito la rotta. Ci sono ancora un sacco di persone disposte a non pensare, a non fare caso a cosa succede in questi 1900 km di tragitto, pur di comperare il kg di mele in offerta ed avere diritto ai bollini sconto.

Share

Pubblicato in Curiosità | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

SocialVisor: il client per Twitter e Facebook servito in una barra

SocialVisor è un nuovo client per Twitter,Facebook Yammer. A differenza di tutti gli altri prodotti simili, SocialVisor si presenta sotto forma di “ticker“, una elegante barra posta su tutta la lunghezza dello schermo, nella quale vengono mostrati tutti gli aggiornamenti provenienti dai nostri account sociali.

In questo modo non servirà aprire il browser mentre stiamo facendo altre operazioni al computere sarà quindi molto semplice ed immediato visualizzare i vari stream di dati provenienti da amici e followers. In un’unica schermata possiamo anche associare diversi account personali, per visualizzare comodamente le timeline di ogni profilo e tenere tutto sempre sotto controllo.

SocialVisor richiede Adobe Air, e funziona quindi indipendentemente sia su Windows che MacLinux. Permette di visualizzare gli ultimi update e per ogni singolo messaggio, supporta tutte le funzioni di Twitter, quali DM, Preferiti e le Liste e permette inoltre di condividere nuovamente qualsiasi cosa appaia sullo schermo, tramite un semplice bottone.

La configurazione degli account da visualizzare è molto semplice. C’è una piccola finestra che permetterà di aggiungere tutti i profili che vogliamo, che dovremo confermare inserendo un codice numerico dopo aver autorizzato l’applicazione ad accedere ai nostri account. In ogni momento possiamo comunque togliere i profili che non vogliamo visualizzare. Il programma é gratuito.

Scarica SocialVisor

Share

Pubblicato in Instant Messaging, Social Network, Software free | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Gioco online consigliato

Destructor, un rompicapo geniale, con il quale passerete delle buone ore di riflessione e studio per cercare di capire come poter abbattere interamente una struttura con delle cariche di dinamite… a voi i link e buon divertimento!

Gioca a Destructor

Share

Pubblicato in Games Online | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

I regali di Natale a portata di telefonino

Andiamo subito a presentarvi un utilissimo software che accompagnerà la corsa agli acquisti natalizi:

Regali di Natale è un’applicazione che ci aiuterà ad organizzare i regali di natale suddividendoli per persona. In questo modo avremo la possibilità tenere sempre sotto controllo tutti i regali che abbiamo già acquistato e quelli che ancora dobbiamo acquistare.

Inoltre questa applicazione ci aiuterà a tenere sempre sottocontrollo i soldi che spenderemo in base ai regali che abbiamo pianificato di acquistare per il Natale, tutto questo semplicemente con pochi tocchi!

Regali di Natale è sviluppata da Sviluppo iPhone Italia tra le varie funzionalità troviamo la possibilità di:

  • Inserire le persone a cui vogliamo fare dei regali, specificando il nome di ognuno
  • Per ogni persona potremo inserire uno o più regali, specificando il prezzo, il nome del regalo e se lo abbiamo già acquistato o meno
  • Disponibile un campo Annotazioni per ogni persona, per appuntare informazioni extra
  • Tenere sotto controllo quanto si sta spendendo per tutti i regali di Natale o per ogni singola persona

E’ compatibile con iPhone, iPod Touch e iPad, richiede iOS 3.0 ed è completamente localizzata in italiano. Pesa 800 Kb e si scarica gratis dall’App Store

Collegati alla pagina di download Apple

Share

Pubblicato in Software free | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Gioco online consigliato

Sei pronto a sfidare il Califfo? Gioca a 7½ con il Califfo, lo scopo del gioco è arrivare a 7 e mezzo con le carte. Ricorda che le figure valgono mezzo punto.

Gioca a 7½ con il Califfo

Pubblicato in Games Online | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Il veleno dello Stato

Ettari ed ettari di cacao seccati dalle fumigazioni anti coca. E’ accaduto a Remolino del Caguan, in piena Amazzonia. Il dramma dei contadini e la loro denuncia:

“Stiamo scrivendo questa lettera per denunciare la fumigazione subita martedì 23 novembre nella proprietà di Luis AbelardoCorrales, il principale produttore di cacao delChocaguan, il Comitato di produttori di cacao di Remolino del Caguan e Suncillas. Sono state colpite da agenti chimici micidiali dieci ettari in piena produzione e che stavamo tirando su per inserirli nel processo di certificazione organica del 2011. Siamo disperati. E’ un brutto colpo per la nostra comunità. Spero che diffondere la notizia sia utile a far sì che riceviamo quanto prima la riparazione integrale del danno”. Ruben Dario Montes, presidente del Chocaguan, e Rodrigo Velaidez Muñeton, consigliere, hanno inviato questa accorata denuncia a don Angelo Casadei, l’unico parroco dello sperduto villaggio della profonda Amazzonia colombiana, che da anni sostiene il programma “No alla coca, sì al cacao“, unica possibile alternativa di vita sostenibile e legale nel dimenticato niente, dove tutto è guerriglia e militari.

Montes e Velaidez Muñeton sono anni che hanno abbracciato l’idea che fu di padre GiacintoFranzoi, storico padre missionario di Remolino, pioniere cattolico che ha rivoluzionato la vita di ognuno degli abitanti di quella che fu la Las Vegas del narcotraffico. Un paese in mezzo alla foresta, nato sulle fondamenta fragili e appariscenti del denaro facile, e che ogni domenica era culla del mercato più In degli anni Ottanta. Miriadi di bancarelle con un solo prodotto: pasta di coca. E frotte di compratori per ogni via, dall’aria, dall’acqua, dal cielo, che risucchiavano il nettare bianco in poche ore, lasciando sacchi di dollari e tanta corruzione. Bar, bische, discoteche, bordelli, ristoranti di lusso. Questo era Remolino, che adesso è ilfantasma di se stessa. Nonostante le raccomandazioni di quelli che allora erano i padroni indiscussi del territorio, i guerriglieri delle Forze armate rivoluzionarie della Colombia(Farc), che inisistevano affinché i contadini investissero tutti quei soldi in bestiame e agricoltura, “perché la prosperità non dura per sempre“, la filosofia della formica che fa scorta per l’inverno non li ha convinti, e fame e povertà hanno scacciato il lusso. Le Farc hanno battuto in ritirata, assediati da frotte di militari in assetto di guerra. E il paese langue. “Con la pasta di coca non ci mangiate più e vi porta dritti in carcere, dobbiamo pensare a un’alternativa legale e sostenibile”, andava intanto dicendo quel Giacino Franzoi, missionario stravagante in camicia a fiori.

E così Franzoi ebbe l’idea: “no alla coca, sì al cacao”, sostituire la polvere bianca con il profumatissimo cacao, e coinvolgere i contadini nella produzione di un ottimo cioccolato purissimo. Una vera svolta, seppure in tanti hanno continuato imperterriti a creare piantagioni di coca e laboratori per la produzione della pasta (prodotto compatto che va poi raffinato e trasformato in cocaina con l’aggiunta di varie componenti chimiche). Ma il Comitato Chocaguan è nato e conta molti affiliati. Mentre chi si ostina con la pianticella dei miracoli non solo ha sempre più problemi nel venderla, visti i controlli assidui delle forze dell’ordine, ma attira guai per tutti.

E’ proprio la presenza, risaputa, di queste coltivazioni illecite a invitare i contractors, a cui lo Stato ha affidato l’infausto e remuneratissimo compito di fumigare, a sorvolare interi ettari e a innaffiarli con il micidiale Glifosato, che certo non fa distinzioni di sorta. E uccide ogni forma vivente vegetale su cui si posa, con gravi danni anche per la salute di uomini e animali.

“Da tempo le fumigazioni sono riprese – racconta Lucia Pagnossin, collaboratrice di Padre Angelo Casadei e appena rientrata dalla Colombia -. E per questa gente è un vero disastro. Non hanno altra forma di sostentamento”. E se si pensa che è tutta gente che vive sull’orlo della miseria e che sta cercando faticosamente di uscire dalla spirale dell’illegalità, coltivando con pazienza un prodotto come il cacao che richiede cura, dedizione e tanta buona volontà, è facile comprendere la tragedia di questo tipo di lotta al narcotraffico. Una lotta cieca, che va a colpire i piccoli e lascia intatto il grande traffico. E anzi, non è la prima volta che succede che le uniche pianticelle a resistere al potente veleno siano proprio quelle di coca, mentre tutto intorno è il deserto. L’unico vero effetto che si ottiene con le fumigazione è infatti costringere a sfollare i poveracci che perdono tutto in un batter d’occhio.
Chi ci guadagna? I soliti grandi interessi legati alle solite immani ricchezze dell’Amazzonia, intorno alla quale sono emerse, emergono ed emergeranno un numero sempre maggiore di conflitti fra chi si contende il privilegio di controllarla.

Share

Da PeaceReporter

Pubblicato in Curiosità | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Facebook Vs. Korea del sud

Il governo Sudcoreano interviene contro il colosso dei social network, Facebook. Lo scorso mercoledì, infatti, la KCC (Korea Communications Commission), ha ufficialmente espresso il suo disappunto riguardo le politiche sulla privacy degli utenti di Facebook, dichiarando inadeguato il sistema informativo che Facebook stesso mette a disposizione. Secondo la KCC, infatti, non è sufficientemente chiaro il modo in cui vengono gestiti i dati personali degli utenti e la loro condivisione sul web.

Perchè il governo coreano interviene contro Facebook proprio ora? Il social network è attualmente molto popolare tra i cittadini sudcoreani , con circa 2.3 milioni di utenti iscritti. Lo stesso governo ha perciò un reale interesse verso la tutela degli utenti nazionali al fine di evitare un uso improprio dei loro dati personali. La domanda ora è: Facebook ha realmente fatto qualcosa per informare i propri utenti circa le proprie politiche di trattamento dei dati personali?

La KCC menzione l’articolo 22 della carta sulla protezione delle informazioni. La legge afferma, infatti, che: “Se un servizio di informazione e comunicazione intende raccogliere informazioni personali dell’utente, dovrà ottenere il consenso esplicito dell’utente stesso.” Tuttavia tale questione è ampiamente trattata all’interno della politica sulla privacy di Facebook. E’ in questa sede, infatti, che gli utenti vengono messi a conoscenza del modus operandi del social network.

Ora, però, c’è da porsi un ulteriore quesito: quanti utenti effettivamente leggono queste politiche? Molto spesso le si tralascia, in quanto ritenute troppo dispersive e a volte complesse da capire. L’interesse dell’utente è volto a pubblicare il  proprio profilo piuttosto che informarsi riguardo la propria tutela. La responsabilità ricade dunque sugli utenti finali, dal momento in cui accettano e sottoscrivono le politiche sulla privacy. Perciò, è lecito accusare facebook quando è l’utente in primis a sottovalutare questi rischi?

Share

Pubblicato in Social Network | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Juventus-Lazio in streaming

Questa sera, ore 20:45 si disputerà una delle sfide più calde di questa stagione: Juventus-Lazio, che potrete seguire in streaming da questo blog tramite i link che trovate in fondo all’articolo. Restate collegati!

Queste le probabili formazioni:

JUVE (4-4-2): Storari; Sorensen, Chiellini, Bonucci, Grosso; Krasic, Melo, Aquilani, Marchisio; Iaquinta, Quagliarella. A disposizione: Manninger, Motta, Legrottaglie, Traoré, Sissoko, Pepe, Del Piero. All. Del Neri.

LAZIO (4-2-3-1): Muslera; Lichtsteiner, Dias, Biava, Cavanda; Brocchi, Matuzalem; Mauri, Hernanes, Zarate; Floccari. A disposizione: Berni, Diakitè, Ledesma, Del Nero, Bresciano, Kozak, Rocchi. All. Reja.

Link per lo streaming:

1. Connettiti a Juventus-Lazio

2. Connettiti a Juventus-Lazio

3. Connettiti a Juventus-Lazio

Share

Pubblicato in Sport in streaming | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Videochat in Facebook, con vChatter

vChatter è un nuovo servizio online, completamente gratuito, che vi consente di ampliare le funzionalità della chat di Facebook: tramite l’utilizzo di questo particolare strumento, potrete attivare una vera e propria videochat con i vostri amici in tutto il mondo (iscritti al social network).

Per utilizzare vChatter non occorrono istruzioni particolari: basta collegarsi all’homepage e cliccare il bottone “Start Chatting“; nella nuova finestra dovrete consentire al servizio di accedere ai vostri dati di Facebook. Tornati alla pagina principale, troverete lo strumento in azione: vi saranno quattro sezioni, due per le immagini video, una per la lista dei vostri amici online (la lista è aggiornata in modo automatico con gli amici di Facebook) e uno spazio per inviare messaggi di testo (la classica chat).

Con vChatter nessuno (né voi, né i vostri amici) avrà bisogno di utilizzare alcun software da scaricare e installare sul proprio computer: potrete invitare i vostri amici utilizzando il bottone “Invite” oppure condividendo il link della pagina dedicata alla videochat.

Collegati al sito di vChatter

Share

Pubblicato in Instant Messaging, Senza categoria, Software free | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento